Chiudi
www.valdeloire-france.com utilizza cookie per fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Navigando su questo sito, l'utente accetta

Le tappe imperdibili di un giro a Nantes

Fate una tappa nella città dei Duchi: Nantes vi riserva delle sorprese che non troverete in tutte le guide! Eccovi qualche dritta sugli spot imperdibili della città. 

Arte al Giardino delle piante

Questo grazioso giardino è molto popolato: fiori, alberi, arbusti, caprette, una giostra, una serra... E da qualche anno, le opere d'arte contemporanea di Le Voyage à Nantes! Tra di esse le gigantesche opere di Claude Ponti, come i "Bancs processionnaires", il "Banc géant" o il "Dormanron" - una specie di orso che fa un pisolino sul prato -. Dalla scorsa estate, le installazioni di Jean Jullien adornano i sentieri del giardino... Venite a scoprirle!

Una star al cimitero de La Bouteillerie

Non molto lontano dal Giardino delle piante, inoltratevi nel cimitero de La Bouteillerie. Passeggiate per i suoi vicoletti: vi imbatterete in splendide tombe e in particolare in quella di Serge Danot, creatore della serie animata molto famosa in Francia Le Manège enchanté. Di certo non ordinaria, è stata rifatta in metallo e a colori... la riconoscerete facilmente! Per i disegnatori: ricordatevi di portare il vostro taccuino degli schizzi per riprodurre il disegno che si trova su di essa!  

Specchio, specchio d’acqua delle mie brame...!

Proseguendo verso il centro, sarà possibile ammirare lo specchio d'acqua di fronte al Castello dei Duchi di Bretagna. Durante l’estate è un vero spasso per i più piccoli e permette a tutti di incontrarsi in un’atmosfera incredibilmente allegra e gioviale. Al calar della sera, le luci che lo illuminano abbelliscono questo angolo speciale e lo rendono ancora più magico.

Il Passage Pommeraye... e la sua nuova estensione

Il famoso Passage Pommeraye, dove fu girato il film di Jacques Demy "Una camera in città", rimane uno dei tesori di Nantes. Questa antica galleria del centro storico fu creata alla fine del 1840 e aperta poi nel luglio 1843. Da alcuni anni ospita un'estensione che perpetua la sua originaria vocazione di galleria commerciale nel cuore di Nantes.

La vista sulla Loira dal tetto della Scuola di Architettura

Oltre a essere un istituto di formazione, la Scuola di Architettura accoglie anche belle performance artistiche, mostre temporanee e opere di Voyage à Nantes... Questo edificio di cemento è ormai occupato da una decina d’anni. Imboccandone i corridoi e salendo tutto in cima... raggiungerete il tetto e scoprirete un’eccezionale vita a 360° su Nantes e la Loira.

Due opere facenti parte del percorso Estuaire… da vedere e da ascoltare

Due delle poche opere permanenti del percorso Estuaire si trovano tra la Scuola di Architettura e l’Isola di Nantes. Sarà necessario utilizzare i sensi dell'udito e della vista, per scoprirle: il lavoro di Rolph Julius sull'edificio Manny, "Air", attraverso il quale propone la relazione tra musica e scultura, creando "musica per gli occhi"; e alla stessa altezza ma sulla strada, l'opera di Angela Bulloch, "The Zebra crossing", strisce pedonali britanniche, volte a creare un accesso originare a Manny... non vi diciamo altro!

Imbarco alla Gare Maritime, direzione Trentemoult!

Roquio è il nome del primo battello a vapore della Compagnia di navigazione della Basse-Loire. Oggi è utilizzato da coloro che si spostano dalla Gare Maritime fino all'affascinante villaggio di pescatori sull'altro lato della Loira, Trentemoult. Salite a bordo per approdate in questo paesino tutto colorato. Potrete passeggiare per le sue incantevoli stradine, incontrare gatti, artisti, abitanti... il tutto in una dolce atmosfera. La famosa facciata che appare nel film " La Reine Blanche – Regina Alba" è ancora esistente, la troverete sicuramente... Un piccolo indizio: si trova giusto ai piedi del fiume reale…