Chiudi
www.valdeloire-france.com utilizza cookie per fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Navigando su questo sito, l'utente accetta

Luoghi d'osservazione della fauna e della flora della Loira


Dotata di una fauna e di una flora d’eccezione e scalo per gli uccelli migratori, la Valle della Loira vi invita a scoprire una natura senza pari dai suoi molteplici punti di ossservazione. Foreste maestose, esturario, stagni e vaste paludi attirano una grande diversità di specie d'uccelli.
Non dimenticate di portare il binocolo!
 

Osservare la ricca via di laghi, stagni e paludi della Valle della Loira


Nello stagno di Beaumont, a Neung-sur-Beuvron, numerosi uccelli vivono in mezzo agli iris e ai ranuncoli acquatici. Imparate a riconoscerli all'osservatorio ornitologico, aperto tutto l'anno con accesso libero che presenta anche pannelli esplicativi. Se gli aironi cinerini e il germano reale verde sono di casa per tutto l'anno, ogni stagione ha però i suoi uccelli, come i gabbiani comuni in estate e le pettegole in autunno. E in primavera, guardate con quale tecnica lo svasso piccolo trasporta i piccoli sulla schiena! Non esitate a cercare una guida che, in occasione di un'uscita esplorativa, vi immergerà completamente in questo favoloso ecosistema.

Allo stagno del Ravoir, a Ouzouer-sur-Loire, ammirate i falchi pescatori volteggiare al di sopra della Loira! Questi rapaci tipici delle foreste di Orléans si allontanano raramente dal fiume reale.  Dal capanno di osservazione, vedrete come il loro nido sia posizionato sulla cima degli alberi a circa 30 metri di altezza! Uno spettacolo vertiginoso completato da schede ludiche esplicative. Il momento idele è la domenica mattina nelle belle giornate: una guida animerà gratuitamente la vostra visita.

Presso il  lago di Grand Lieu, seconda riserva ornitologica di Francia dopo la Camargue, si possono osservare 270 specie di uccelli. Ospita anch'esso un osservatorio ornitologico, a La Chevrolière, dove si possono osservare mignattini neri e cavalieri d'Italia, solo per citarne alcuni. Aperto da maggio a ottobre, propone anche visite commentate (a pagamento) nei weekend e nei giorni feriali a richiesta. Non perdete poi la visita della Maison du Lac, a Bouaye, con un centro d'accoglienza, un sentiero ecologico e una terrazza di osservazione.

Recatevi infine nella vasta riserva ornitologica Pierre Constant, nel cuore del Parco Naturale Regionale di Brière. Lungo il sentiero pedonale di 1,5 km, prendete posto in uno degli osservatori. Lì, avventuratevi lungo la via delle paludi pullulante di vita. È tutto un formidabile ecosistema acquatico che si nasconde in queste disstese d'acqua e canneti! Dei pannelli informativi vi aiuteranno a riconoscere tutte le specie vegetali e animali (insetti, rettili, piccoli anfibi) che coesistono in questo ambiente.

Ci sono molti altri stagni e laghi che dispongono di osservatori degni di interesse: lo stagno dei Levrys a Nouan-le-Fuzelier, il lago di Pincemaille, anche detto Lac de Rillé, (osservatorio LPO, Lega protezione uccelli) o ancora l’osservatorio della Riserva di Malzoné, a Millançay.
 

Fauna e flora delle foreste della Valle della Loira


A Nibelle, recatevi sulla cima della collina des Caillettes, punto culminante della foresta di Orléans. Salite poi i circa 150 gradini del belvedere. I vostri sforzi saranno ampiamente ricompensati: dall'alto dei suoi 24 metri, la piattaforma vi riserva una vista tra le più mozzafiato sul massiccio d’Ingrannes. Una mappa di orientamento vi fornirà indicazioni sulla foresta circostante, con castagni,  frassini, querce, pini laricio di Corsica. Per un'esperienza delle più emozionanti, venite di primo mattino, quando la natura si risveglia. Con un po' di fortuna, potrete scorgere le tre specie di rapaci presenti nella foresta di Orléans: l'Aquila minore, il Biancone e il Falco pescatore.

La natura si osserva anche dalla Tenuta Nazionale di Chambord. I suoi 5540 ettari celano non soltanto un magnifico castello ma anche numerosi osservatori dove spiare, ben nascosti nella foresta, cervi, cinghiali, volpi, ma anche uccelli, pipistrelli, libellule e salamandre.

Oltre agli osservatori puri e semplici, nella Valle della Loira esiste anche un gran numero di sentieri naturalistici ottimi per l'osservazione degli animali. In particolare nel Parco Naturale Regionale Loire-Anjou-Touraine. Vi sono censite circa 200 specie di uccelli, senza contare tutti gli altri piccoli animali che si possono incontrare: faine, ricci, scoiattoli, libellule…