Chiudi
www.valdeloire-france.com utilizza cookie per fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Navigando su questo sito, l'utente accetta
Dall’alto del suo promontorio, il castello reale di Amboise offre una vista panoramica che abbraccia la Loira e che veglia sulle sue acque dalla notte dei tempi. Divenuto residenza reale agli albori del Rinascimento, il castello fu pioniere nell’introdurre lo stile italiano nella Valle della Loira grazie a Carlo VIII. Un’apertura proseguita da Francesco I in compagnia del genio toscano Leonardo da Vinci, sepolto nella cappella del castello. Importante luogo della storia di Francia, il castello di Amboise è uno dei gioielli dei castelli della Loira.
Per la storia di Francia, il castello di Amboise, riveste un’importanza particolare. Fu dimora preferita dai re di Francia nonché loro luogo d’infanzia e nei suoi arredi del primo Rinascimento, il castello accolse illustri invitati che lasciarono indelebilmente la loro impronta. Qui riposa in eterno il grande Leonardo da Vinci.

Nonostante il belvedere del castello reale di Amboise sia stato uno strategico punto d’osservazione fin dal neolitico, esso entrerà negli annali della grande storia solo nel VI secolo, quando il re francese Clodoveo incontrerà il re dei Visigoti, Alarico. Dopo secoli di tumulti, Filippo Augusto riconquisterà la Turenna e nel 1241 diventerà feudatario della tenuta di Amboise. Nel 1431, Luigi d’Amboise, padrone del castello, partecipa ad un complotto contro Louis de la Trémoïlle, beniamino del re Carlo VII. Smascherato, scampa alla condanna a morte ma si vede confiscare il castello che diviene quindi di dominio reale.

Il re Luigi XI predisporrà il castello di Amboise per ospitarvi la regina ed il delfino, il futuro Carlo VIII, che nascerà tra le cinta del castello. Quando quest’ultimo sale al trono, sceglie la dimora della propria infanzia per stabilire la roccaforte dei Valois. Qui, avvia un grande progetto per trasformare il complesso medioevale in un sontuoso palazzo gotico. Il cantiere conoscerà due fasi, la seconda delle quali comincerà al suo ritorno dall’Italia dove rimane affascinato dalle opere del Rinascimento. Ospiterà quindi numerosi artisti italiani per conferire al castello un raffinato stile rinascimentale. Il re muore però prematuramente, e stupidamente, dopo aver battuto la testa contro un architrave d’una porta del castello. Il suo successore Luigi XII proseguirà i lavori e la realizzazione dei giardini.
Il re Francesco I crescerà ad Amboise e sarà sotto il suo regno che il castello raggiungerà l’apice della sua gloria. Il re fa venire dall’Italia il grande Leonardo da Vinci che fa sistemare a Clos Lucé, a due passi dal castello, direttamente raggiungibile attraverso un passaggio sotterraneo. La salma del grande maestro italiano tuttora riposa nella cappella Saint-Hubert, adiacente al castello. Il re Enrico II e la sua sposa Caterina de’ Medici crebbero qui i loro figli, ma ben presto tale quiete sarà interrotta dalle guerre di religione intraprese durante il regno del figlio Francesco II. In seguito, la corte si allontanerà dal castello che diverrà una mera tappa per i re Borboni.

Un secolo più tardi, il castello subisce un parziale smantellamento e diventa un luogo di detenzione in cui si annovera la prigionia del sovraintendente del re, Nicolas Fouquet. Dopo la Rivoluzione Francese, il castello viene ceduto da Napoleone a l’ex console Pierre-Roger Ducos, che farà demolire quasi due terzi del vecchio castello.

Dal secolo XIX e fino ai nostri giorni, il castello reale d’Amboise subisce molteplici lavori di restauro, che, passo dopo passo, lo riportano al vecchio splendore. In estate, lo strabiliante spettacolo di luci e suoni “La Prophétie d’Amboise” (La Profezia di Amboise) rimette in scena gli antichi fasti e gli intrighi di corte ai tempi di Carlo VIII. Le proiezioni sulle facciate del castello fanno da scenografia alle 250 comparse e acrobati equestri che prendono parte a questo spettacolo storico senza precedenti.
Da non perdere

Un gioiello del Rinascimento

Durante un viaggio a Napoli, Carlo VIII si innamorò delle opere del Rinascimento. Innovatore, porterà le prime influenze italiane in Francia e renderà il suo castello una magnifica testimonianza del primo Rinascimento.
Visualizza di più
Tesoro nascosto

Sulle tracce di Leonardo da Vinci

Se Leonardo da Vinci riposa in pace nella cappella Saint-Hubert, il suo spirito visionario aleggia ed è ben vivo nel castello!
Visualizza di più
Curiosità

I segreti dietro le quinte della storia

Perdersi nei passaggi sotterranei, scoprire delle camere finora nascoste al pubblico e penetrare nei segreti della vita reale: ecco l’esperienza insolita che il castello di Amboise vi propone.
Visualizza di più
Che succede al castello?
Informazioni pratiche

CHATEAU ROYAL D'AMBOISE

Fermé en ce moment
+ tutti gli orari
+ tutte le tariffe
A partire da11.7€ /  persona
Démarche d'excellence grands sitesVignobles et Découvertes"La Loire à vélo"Jardin remarquableQualité Tourisme"Accueil Vélo"
Prenotazione online
Cosa visitare nei dintorni?
Come arrivare?
Il castello reale di Amboise si trova a 20 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria, che è collegata alle stazioni di Tours tramite un servizio regionale TER in 30 minuti. Le stazioni di Tours e Saint-Pierre-des-Corps sono entrambe raggiungibili da Parigi-Montparnasse in circa 1 ora. Anche le autostrade A10 e A85 permettono di arrivare al castello: 2 ore da Parigi. L’aeroporto di Tours assicura collegamenti con il Portogallo, l’Irlanda, la Gran Bretagna e il Marocco.
 

Il tuo itinerario