Il Castello di Villandry deve la sua fama agli splendidi giardini alla francese che formano un vero scrigno attorno all'ultimo castello della Loira, costruito nel Rinascimento. Il nome della famiglia Carvallo è indissolubilmente legato a questa tenuta. È grazie ai suoi esponenti, infatti, che essa ha ritrovato la sua bellezza iniziale. Nei giardini, i visitatori si sentono immersi in un'atmosfera spensierata, trasportati dall'eleganza del castello. Lo spirito di Villandry insegna il rispetto attraverso il grande desiderio di preservazione del patrimonio e dell'ambiente.
La bellezza dei giardini di Villandry è famosa in tutto il mondo: nonostante ciò, anche il visitatore più informato rimarrà stupito alla vista della sua vegetazione. Un'opera lasciata in eredità dalla famiglia Carvallo, il Castello di Villandry rimane un esempio magnifico delle arti rinascimentali.

Nel 1532, Giovanni il Bretone, allora ministro delle Finanze di Francesco I, diventa proprietario delle terre di Villandry. A parte il torrione, l'antica fortezza viene rasa al suolo per costruire un castello e realizzare alcuni giardini seguendo il gusto rinascimentale. I suoi discendenti conserveranno il castello fino al 1754, data in cui il Marchese De Castellane la comprò, iniziando i lavori per adeguare la dimora allo stile e agli agi neoclassici, di moda nel XVIII secolo.

Seguirono numerosi proprietari e altrettante trasformazioni fino al 1906, quando venne comprato dal Dottor Joachim Carvallo con moglie Ann Coleman. La coppia ispano-americana si innamorò di Villandry, spendendo energie e denaro per restaurarlo. È proprio grazie a loro e ai loro eredi che possiamo ammirare ancora oggi lo splendore del palazzo e dei suoi giardini. All'interno si possono scoprire gli elementi dell'arte di vivere alla francese, con particolarità come la fontana in mezzo alla sala da pranzo e il magnifico soffitto in stile ispano-moresco del salone orientale.

Gli esterni e i giardini realizzati alla francese sono la caratteristica che hanno reso celebre Villandry. Sei giardini che si presentano come dipinti di vegetazione, incorniciati dalle terrazze. Ognuno di essi è contraddistinto da un tema unico e da un’architettura particolare. Dall’alto, l’Orto-Giardino è senza dubbio quello che colpisce di più, con i suoi nove quadrati a scacchiera dai mille colori che ricordano la lavorazione del pizzo. Il Giardino Decorativo, organizzato in due saloni, rappresenta la musica con i suoi bossi a forma di arpa, e l’amore con diverse allegorie vegetali: cuore, farfalla, ventaglio … Strutturato attorno a un bacino d’acqua a forma di specchio Luigi XV, il Giardino d’Acqua invita alla meditazione, mentre il Giardino del Sole spinge a sognare a occhi aperti. Risa di bambini arrivano all’orecchio del visitatore, ma non disturbano la pace del Giardino dei Semplici, dove vengono coltivate le piante aromatiche e medicinali. Ogni singolo parterre porta con sé una storia personale che sedurrà i visitatori.

Un impatto estetico che però non toglie nulla all’etica: l’intera tenuta è attenta alla coltivazione biologica e “ragionata”, che in Francia significa sensibilità per l’ambiente e per il benessere animale. La bellezza e le virtù dei giardini di Villandry richiamano il pensiero di Joachim Carvallo sull’animo umano: “esso cerca di nobilitare le cose più semplici della vita”.
 
Da non perdere

L’Orto-Giardino decorativo del Rinascimento

Già nel Cinquecento, l’orto-giardino del castello era celebre in tutto il regno e, qualche secolo dopo, per mano di Joachim Carvallo, ritroverà il fasto e lo splendore antichi.
Visualizza di più
Tesoro nascosto

Il Salone Orientale

Se è vero che ogni castello nasconde il proprio tesoro, quello di Villandry arriva dall’Oriente. Grande come un soffitto, ricorda i palazzi saraceni.
Visualizza di più
Curiosità

Un giardino bello e bio

Il castello unisce dal 2009 l’estetica all’etica, curando i suoi giardini con tecniche biologiche.
Visualizza di più
Che succede al castello?
Informazioni pratiche

CHATEAU ET JARDINS DE VILLANDRY

Fermé en ce moment
+ tutti gli orari
+ tutte le tariffe
A partire da13€ /  persona
"Accueil Vélo"Qualité TourismeJardin remarquable"La Loire à vélo"Démarche d'excellence grands sitesEscapades aux jardins
Cosa visitare nei dintorni?
Come arrivare?
Villandry si trova a 15 km dalla stazione di Tours e a quella di Saint-Pierre-les-Corps, entrambe raggiungibili in 1 ora dalla stazione di Montparnasse a Parigi. Durante l’estate il castello è collegato con Tours grazie a un servizio navetta. Arrivando in macchina, potrete percorrere le autostrade A10 e A85: in 2 ore da Parigi. L’aeroporto di Tours è collegato con Portogallo, Irlanda, Gran Bretagna e Marocco.
 

Il tuo itinerario