Chiudi
www.valdeloire-france.com utilizza cookie per fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.
Navigando su questo sito, l'utente accetta

500 anni di Rinascimento en Centre-Val de Loire

Nel 2019 ricorre il 500° anniversario della morte di Leonardo da Vinci ad Amboise ma anche l’inizio dei lavori per la costruzione del Castello di Chambord e la nascita, a Firenze, di Caterina de’ Medici, futura regina di Francia. Nel corso dell’anno, più di 700 eventi celebreranno le mille sfaccettature del periodo rinascimentale e delle sue illustri personalità nella regione Centro Valle della Loira!

Il 2019: Un anno dedicato alla celebrazione delle mille sfaccettature del Rinascimento

La Valle della Loira, le sue città e i suoi castelli sono stati la residenza principale dei re di Francia. Con una storia politica, culturale e patrimoniale così ricca, la Regione Centro Valle della Loira è considerata come la culla del Rinascimento francese.
 
Proprio come all’epoca rinascimentale, il 2019 sarà un anno pullulante di eventi, con una programmazione molto varia che farà onore al genio creativo, all’audacia e alla capacità di reinventarsi in qualsiasi campo d’azione.
 
Il Centro Vale della Loira sarà palcoscenico di più di 700 eventi che scandiranno il ritmo dell’anno appena iniziato. Tra estetismo e innovazione, festività e riflessione umanista, gastronomia ed esplorazioni scientifiche, creazioni artistiche e patrimoniali… Un programma poliedrico permetterà ai visitatori di rivivere lo spirito del Rinascimento. 

Leonardo da Vinci, genio visionario del Rinascimento

Quando nel 1516, Francesco I lo invita a corte, Leonardo da Vinci lascia l’Italia per approdare ad Amboise. A 64 anni, porta con sé 3 delle sue prestigiose opere, la Gioconda, il San Giovanni Battista e la Sant'Anna, la Vergine e il Bambino con l'agnellino, come anche i quaderni, i manoscritti e gli appunti raccolti nel corso di tutta la sua vita.
 
Francesco I lo nomina, allora, “primo pittore, ingegnere e architetto del re” e lo fa trasferire al Castello del Cloux (oggi il Castello del Clos Lucé) situato a due passi dal Castello Reale di Amboise. Il re gli versa una pensione principesca così che Leonardo possa vivere bene e come più gli aggrada.
 
Al Castello del Clos Lucé, dove il maestro visse circondato dai suoi allievi, Leonardo da Vinci riceve i grandi del regno, gli ambasciatori e i suoi amici artisti. Nei suoi laboratori, si dedica alle innumerevoli discipline che lo appassionano: pittura, architettura, filosofia o ancora la creazione scenografica.
 
Organizza anche le grandi feste reali per le quali realizza scenografie complesse, con suntuosissime decorazioni, dipinti viventi, macchine e effetti speciali di suoni e luci. Su richiesta di Luisa di Savoia e Francesco I, Leonardo da Vinci diventa altresì architetto e urbanista e progetta la sua città ideale che avrebbe dovuto situarsi a Romorantin (a 70 km da Amboise).
 
Il 2 maggio 1519, il grande genio si spegne nella sua stanza nel Castello del Clos Lucé. È inumato secondo le sue ultime volontà nel chiostro della collegiale di Saint-Florentin presso il Castello Reale di Amboise. La chiesa sarà distrutta nel 1808 e l’illustre sepoltura trasferita – diversi anni più tardi – nella cappella di Saint-Hubert del Castello Reale di Amboise.

La nascita di una Regina: Caterina de’ Medici

Sempre nel 1519, il 13 aprile, nasceva a Firenze, Caterina de’ Medici, futura Regina di Francia. I castelli di Chenonceau, Chaumont-sur-Loire e Blois hanno scelto, quest’anno, di dare onore a questa immensa figura del Rinascimento.
 
A Chenonceau, sarà ricostruita la sua apoteca, proprio lì dove esistette un tempo nell’edificio delle Cupole. 
 
A Chaumont-sur-Loire, sarà possibile visitare la stanza detta di Caterina de’ Medici, interamente ristrutturata e adornata di antichi arazzi e tappezzerie.
 
Al Castello Reale di Blois, culla di molte teste incoronate, la mostra “Enfants de la Renaissance”, percorre per la prima volta gli usi e costumi legati all’infanzia dalla fine del XV secolo all’inizio del XVII.
 
Le celebrazioni dedicate ai fasti del Rinascimento in Centro Valle della Loira prevedono eventi a dismisura: la ricostruzione dei decori e della corte itinerante di Francesco I al Castello di Chambord, un nuovo percorso notturno nel parco del Castello di Azay-le-Rideau, fine settimana ludico-ricreativi sul tema della gastronomia e dei costumi rinascimentali al castello di Sully-sur-Loire, esposizioni in centri d’arte contemporanea come il CCCOD di Tours e il FRAC di Orléans.
  
Ritrovate l’intera programmazione degli eventi “500 ans de Renaissance(S)” in Centro Valle della Loira sul sito: www.vivadavinci2019.fr